Alta definizione
Scheda tecnica


Tenute Nicosia - Contrade dell’Etna

Dai vigneti delle tenute Monte Gorna e Monte San Nicolò, situati in territorio di Trecastagni a poca distanza dalle cantine, nascono due rossi e due bianchi di contrada, capaci di rappresentare la grande ricchezza di sfumature che il terroir e i vitigni autoctoni dell’Etna sono in grado di esprimere. Questi Etna Doc sono la migliore dimostrazione di come, sul vulcano, ogni versante, ogni contrada, ogni vigna possano produrre vini dalle differenti caratteristiche, regalando sensazioni uniche e irripetibili.

Contrade dell’Etna

Etna Rosso Monte San Nicolò

DOC Etna

Dalle sole uve autoctone di Nerello Mascalese provenienti da antiche viti allevate ad alberello in contrada Monte San Nicolò, a circa 550 metri sul versante sudorientale dell’Etna, nasce questo rosso di grande personalità e concentrazione aromatica. Al naso presenta note di frutta rossa, ribes, ciliegia sotto spirito e spezie dolci, mentre al palato rivela tannini ben levigati e un gusto caldo e succoso. Vino di ottima struttura, armonia e persistenza, è ideale per accompagnare primi piatti al ragù, cacciagione, salumi e formaggi stagionati. Servire a 16-18°C.

Uvaggio: Nerello Mascalese 100%

Vigneti: terreni composti da sabbie vulcaniche, molto ricchi di minerali, posti ad un’altitudine intorno ai 550-600 m s.l.m., con buone escursioni termiche tra il giorno e la notte; sistema di allevamento: alberello

Raccolta: manuale in cassette, nella seconda-terza settimana di ottobre

Fermentazione: per circa 10-15 giorni a temperatura controllata (24-26°C)

Affinamento: prevalentemente in acciaio, il 50% del vino matura per 5-6 mesi in barrique ed altri 3-4 mesi in botte grande; l’affinamento è completato da un'ulteriore maturazione di almeno 6 mesi in bottiglia

Grado alcolico: 13% vol.

Alla vista: rosso rubino tendente ad assumere riflessi granati con l’invecchiamento

Al naso: concentrato ed elegante con note di frutta rossa matura, ribes, ciliegia sotto spirito e spezie dolci

Al palato: caldo, morbido, succoso, armonico e persistente

Abbinamenti: ottimo con primi piatti al ragù di carne, arrosti, cacciagione, formaggi semi-stagionati e salumi

Servire a: 16-18°C