Nell’anno del 120° Anniversario arriva il Tre Bicchieri per l’Etna Rosso Riserva di Monte Gorna

Pubblicata il 10 settembre 2018


Stampa
Cantine Nicosia conclude in bellezza l’anno del 120° Anniversario conquistando, per la terza volta consecutiva, il più prestigioso riconoscimento del vino italiano, grazie alla sua etichetta più rappresentativa: il Tenute Nicosia Monte Gorna Etna Rosso Riserva Vendemmia 2012, è uno delle 25 etichette siciliane (ben 11 sono vini del vulcano) premiati con i Tre Bicchieri sulla guida ‘Vini d’Italia 2019’ del Gambero Rosso. Un motivo in più per festeggiare un anno importante che vede la felice coincidenza dei 120 anni dell’azienda con il 50° anniversario di quella Doc Etna (tra le prime denominazioni istituite nel nostro paese, nel 1968) che i Nicosia hanno visto nascere e contribuito a far crescere.
 
Dopo i Tre Bicchieri ottenuti nei due anni precedenti con il Sosta Tre Santi, ‘Cru’ di Nero d’Avola dei vigneti di Vittoria, e con il Fondo Filara Etna Bianco, vino biologico come gran parte della produzione di Cantine Nicosia, a ricevere il massimo riconoscimento stavolta è il fiore all’occhiello della tenuta di Trecastagni, situata a circa 750 metri sui terrazzamenti lavici del Monte Gorna, uno dei tanti conetti vulcanici spenti che circondano il borgo dove hanno sede le cantine. La Riserva di Etna Rosso nasce da uve Nerello Mascalese raccolte a mano, in cassette, dalle porzioni più vocate dei vigneti. Le basse rese, l’accurata selezione delle uve e il lungo affinamento in cantina, che supera i cinque anni (ancor più del periodo minimo di quattro anni previsto per questa tipologia dal disciplinare Etna Doc), danno vita ad un rosso di grande eleganza, che trova la sua cifra distintiva nella mineralità tipica del terroir vulcanico. La lunga maturazione in cantina prevede anche un passaggio in barrique di rovere francese per 24 mesi, che contribuisce ad arricchirne ulteriormente il profilo gusto-olfattivo.